L’Fanà, un posto da lasciarci il cuore e gli occhi!

FANA_11Mai avrei pensato di avere nostalgia dei monti, mai e dico mai avrei creduto di ricordare con nostalgia un posto freddo perché, da buona terrona piena di pregiudizi, ho sempre detestato la montagna. Parte della colpa la detiene anche mia madre che, non sopportando la neve e il freddo, ha sempre boigottato le proposte di vacanze in montagna. Quest’anno però mia madre, pur di stare con suo nipote Guido Alberto che nella top ten dei favoriti mi ha superato di gran lunga, ha deciso di passare il Natale in montagna con lui e noi di conseguenza siamo andati tutti a casa di mia sorella Caterina.

La seconda vita delle luci di Natale!

luci 11Ho sempre detestato smontare l’albero di Natale, da piccola chiedevo a mia madre di poterlo tenere ancora qualche giorno in più e lei, pur di rendermi felice, mi concedeva una settimana di tregua. Ma poi arrivava il 12 gennaio e giustamente, non vedeva l’ora di sbarazzarsi di quegli imbrogli! Così a quatto mani cominciavamo a smontarlo decoro dopo decoro, fino a rimpacchettare il tutto e metterlo in garage a “dormire” per un altro anno.
Quest’anno, ispirandomi alle lettere Seletti “Neon Art” che ho regalato al mio nipotino G.A. per il suo primo compleanno, ho deciso di non riporre le luci di Natale e di realizzare una lampada da comodino per la mia camera.

Continue Reading

pizza di scarole 2.0

pizza13

Potesse crollare il mondo, ma in ogni famiglia campana, il 24 dicembre, la sveglia è data da un profumo strepitoso che arriva dalla cucina: la pizza di scarole!
La tradizione vuole che, dovendo tenersi “leggeri” per il cenone dalla vigilia, a pranzo si mangia “solo” la pizza di scarole, come se fosse un’insalata con germogli di soia…davvero light!

Continue Reading

un Natale DIY

bastoncini_8“Dio non poteva essere ovunque: è per questo che ha creato le madri”, dice un antico proverbio. Ed è proprio vero, la mamma è tutto ciò di cui un figlio ha bisogno.
Se fossi stata un uomo, sarei stata il tipico mammone italiano, di quelli che pendono dalle labbra della propria madre e non fanno altro che rimpiangerla una volta andati via da casa a soli 40 anni, come dire…in tenera età!

Continue Reading

Amarsi un po’, anche a tavola.

Se c’è una cosa che non sopporto, è l’essere sciatti a tavola. Non regge alcuna scusa del tipo “vado di fretta”, “tanto sono solo” o “ vabbè, ma apparecchiare tutta la tavola per due persone è esagerato”. Da piccola mia madre mi ha insegnato che la buona educazione la si riconosce a tavola e che solo chi si ama sa prendersi cura di se stesso, soprattutto nei piccoli gesti quotidiani. Mi ha sempre detto: “amore di mamma, anche se sei sola, metti la tovaglia, posiziona bene le posate e soprattutto, non utilizzare piatti di plastica che non sei in campeggio!”. Ecco perché, anche quando sono sola o vado di fretta, amo dedicare cura e attenzione alla mise en place.

Continue Reading