Orto e famiglia, il benessere del cuore!

DSC_0526Non c’è cosa più bella dei rituali, dello stare in famiglia e di passare il tempo libero con chi ami, rivivendo i rituali che da piccolo rendevano i tuoi giorni speciali davvero con poco!

Da piccole io e le mie sorelle, spesso passavamo il pomeriggio in campagna con il nostro papà, scorrazzando tra piante e alberi di tutti i generi. Ogni mio compleanno era caratterizzato da una torta preparata dalla mia mamma rigorosamente con le prime fragole dell’anno che il mio papà mi portava in dono. Ancora oggi, anche se siamo lontani, il mio papà per il mio compleanno porta a casa una cassetta di fragole, le più belle del raccolto, rivivendo quel rito anche se siamo lontani. Da qui capirete come la cultura dell’orto e del km zero, appartiene alla nostra famiglia, prima ancora che facesse moda, prima ancora che tutti i figli del consumismo prendessero in considerazione la meravigliosa cultura della frutta e della verdura di stagione non capendo che le zucchine a dicembre non sono altro che un accumulo di ormoni e niente più!

Così, io e mia sorella Caterina, in un giorno di questa meravigliosa estate, ci siamo dilettate a raccogliere i frutti del suo orto, e in un istante ci siamo sentite le bambine che eravamo.

Se avete lo spazio, realizzate un piccolo orto…ve lo dice una che era abituata ad avere limoni in quantità da raccogliere sull’albero di casa e che alla sua prima spesa a Milano, ha trovato così strano comprare dei limoni…!

Ecco una carrellata di foto di questo meraviglioso pomeriggio passato con mia sorella Caterina!

Continue Reading

pizza di scarole 2.0

pizza13

Potesse crollare il mondo, ma in ogni famiglia campana, il 24 dicembre, la sveglia è data da un profumo strepitoso che arriva dalla cucina: la pizza di scarole!
La tradizione vuole che, dovendo tenersi “leggeri” per il cenone dalla vigilia, a pranzo si mangia “solo” la pizza di scarole, come se fosse un’insalata con germogli di soia…davvero light!

Continue Reading

Chef per un giorno!

1Mi è sempre capitato, fin da bambina, che certi sapori, certi profumi e certi suoni, mi facessero rivivere dei flashback.
Così la memoria resta intatta, come se tutto fosse in un hard disk e , nel momento del bisogno, lo rispolveri come se il tempo non fosse mai passato.
Da quando vivo da sola ho davvero capito l’importanza dei rituali, ho capito perché i miei genitori insistevano nel cenare tutti insieme, ho capito quanto tutto ciò sia fondamentale per una vita felice e quanto sia fondamentale per arricchire il capitale umano.La sensazione nel ricordare quei momenti è unica, indescrivibile e ti regala sorrisi inaspettati.

Continue Reading