Blending experience, perché l’olio non cresce sugli alberi!

DSC05791Chi di voi non è mai stato estasiato da una semplice fetta di pane con l’olio?
Sarà che mi ricorda l’infanzia, sarà che con una nonna pugliese l’olio (quello buono!) è stato un elemento base nella mia alimentazione, ma per me pane e olio è proprio quella semplicità che serve per riconciliarsi con il mondo e per sentirsi a casa.
Ecco, durante la blending experience organizzata dall’oleificio Zucchi al padiglione Cibus è Italia di Expo 2015, ho più volte desiderato una fetta di pane per godermi in pieno quell’olio buonissimo ma, da aspirante blend master, è una delle cose che non dovevo fare affatto, perché per degustare un olio, non devono esserci altri sapori a contrastare!

Continue Reading

Una colazione romantica DIY

colazione romantica_2Adoro il sabato mattina, amo svegliarmi senza sveglia e con la faccia sazia di sonno, amo svegliarmi tra le braccia di Piero che, con l’ansia di godersi la giornata, imposterebbe la sveglia anche di domenica alle otto del mattino! Amo il sabato perché mi fa sentire libera di scegliere, di “selezionare” il mio tempo per fare tutto quello che mi pare!
Chi mi conosce mi definisce pigra, e a dirla tutta non sbaglia o meglio, sono pigra quando qualcosa non è nei miei interessi, allora sì, potrei stare ore e ore a poltrire sul divano guardando fuori dalla finestra il tempo scorrere, ma se dalla finestra scorgo qualcosa che accende il mio interesse, sono più scattante di una gazzella in fuga dal predatore! Il sabato mattina amo dedicarlo a me stessa e alle cose che mi fanno stare bene, come dormire ad oltranza, farmi bella, riordinare l’armadio delle borse (oh sì, lì ci passerei ore ed ore!), leggere un buon libro, realizzare decori per i quali ho sempre meno tempo, e tutte queste cose qui.
Sabato scorso ho avuto un po’ di tempo per dedicarmi alla colazione e così ho deciso di preparare una mise en place diversa dal solito.

Continue Reading

A CASA EATERY, lo spazio e il tempo non sono un problema!

a casa_6Sembrerà strano, ma a Milano ho trovato un ristorante che non fa turni e accetta prenotazioni un qualsiasi orario senza che tu vada alle 20 o alle 22, ha tavoli talmente distanti tra loro che non sembra un ristorante, e soprattutto ha un rapporto qualità prezzo di tutto rispetto.Lo scorso week-end è venuta a trovarmi Giovanna, la mia migliore amica di sempre. È venuta perché c’è stata una festa importante, una festa che ricorderemo per sempre: la festa di inaugurazione della prima casa mia e di Piero. E come ogni volta che Giovanna viene a Milano, cerco di portarla in posti carini e diversi da quelli che potrebbe trovare anche a Napoli. Così, l’ho portata “A casa- Eatery”, a due passi dai navigli e nella strada che per sempre porterò nel cuore perché lì ci sono la mia prima casa da sola a Milano e tanti altri ricordi.

Continue Reading