Davide Gatto, dove le borse sono fatte della stessa sostanza dei sogni!

DAVIDE GATTO_10Ho sempre amato follemente le borse, e se la mia casa crollasse, le borse la manterrebbero.
Non c’è griffe, colore, modello che tenga…se decido che deve essere mia, lo sarà.
La mia prima Vuitton l’ho comprata con la mia prima borsa di studio, come solo una vera oca giuliva potrebbe fare!
Da bambinetta fashion addicted, ne volevo assolutamente una ma mia madre mi disse: “amore mio, non ne ho mai comprata una per me, figuriamoci se ne compro una a te! Quando avrai i tuoi soldi, potrai fare quello che ti pare, anche sprecarli per una borsa così inflazionata!”. Ovviamente, alla prima borsa di studio universitaria, ho “giustamente” acquistato una borsa!
Non ho scelto l’inflazionato “speedy”, che davvero tutti avevano, ma sempre una con il famoso pattern LV che per quanto sia un classico, è un po’ too much!
Se tornassi indietro forse lo rifarei, certe follie si fanno solo con l’incoscienza! Perché spendere tutti quei soldi per una borsa in parte in pelle, se con le stesse cifre puoi avere un vero gioiello di artigianato italiano?
Lo scorso week end, passeggiando sui navigli in occasione del flower market, sono stata rapita dalla bellezza e dalla delicatezza di un atelier di borse: Davide Gatto.

Continue Reading

Una passeggiata tra le Dolomiti

BRUNICO 1Queste vacanze di Natale le ho trascorse tra le Dolomiti. Ho avuto tanto tempo per rilassarmi, godermi la mia famiglia, giocare con mio nipote, ma soprattutto ho scoperto dei luoghi incantevoli.

Continue Reading

Trovare l’America a Milano!

8Se c’è una cosa di Milano che mi ha conquistata, è la stravaganza e la vivacità che la anima. Ogni giorno puoi scoprire un posto nuovo, sempre diverso da quello del giorno prima e più vai avanti, più grandi sono le novità e le stravaganze.
Dopo sei mesi circa dal mio trasferimento a Milano, curiosa di conoscere tutto quello che animava la città, mi sono imbattuta in un sito web che mi ha davvero incuriosito. Parlava di un posto chiamato Ma’ Hidden kitchen supper club, con indirizzo segreto, dove potevi cenare con altre persone sconosciute per un massimo di 8 persone a serata.

Continue Reading