Davide Gatto, dove le borse sono fatte della stessa sostanza dei sogni!

DAVIDE GATTO_10Ho sempre amato follemente le borse, e se la mia casa crollasse, le borse la manterrebbero.
Non c’è griffe, colore, modello che tenga…se decido che deve essere mia, lo sarà.
La mia prima Vuitton l’ho comprata con la mia prima borsa di studio, come solo una vera oca giuliva potrebbe fare!
Da bambinetta fashion addicted, ne volevo assolutamente una ma mia madre mi disse: “amore mio, non ne ho mai comprata una per me, figuriamoci se ne compro una a te! Quando avrai i tuoi soldi, potrai fare quello che ti pare, anche sprecarli per una borsa così inflazionata!”. Ovviamente, alla prima borsa di studio universitaria, ho “giustamente” acquistato una borsa!
Non ho scelto l’inflazionato “speedy”, che davvero tutti avevano, ma sempre una con il famoso pattern LV che per quanto sia un classico, è un po’ too much!
Se tornassi indietro forse lo rifarei, certe follie si fanno solo con l’incoscienza! Perché spendere tutti quei soldi per una borsa in parte in pelle, se con le stesse cifre puoi avere un vero gioiello di artigianato italiano?
Lo scorso week end, passeggiando sui navigli in occasione del flower market, sono stata rapita dalla bellezza e dalla delicatezza di un atelier di borse: Davide Gatto.


Ammetto che a rapirmi è stato prima di tutto lo splendore dell’arredamento che, con uno stile vintage raffinato, di quelli che non “osa” contrastare con la ricchezza delle ceramiche siciliane che il designer fa arrivare appositamente dalla Sicilia che per metà gli scorre nelle vene, rappresenta in pieno il mood del brand. Così, mi son fatta raccontare come ha fatto a rendere l’atelier un vero gioiello, e mi ha confessato che non è altro la riproposizione della vita quotidiana sua e del compagno che, prima di lavorare nella moda, lavorava nel campo del design.
Grazie al compagno Oliver, neozelandese, nell’atelier è possibile trovare anche le meravigliose candele Ashley&Co, che le fa arrivare appositamente dalla Nuova Zelanda, ed è l’unico rivenditore italiano.

DAVIDE GATTO_24 DAVIDE GATTO_21 DAVIDE GATTO_16 DAVIDE GATTO_13
DAVIDE GATTO_14

Ma le vere chicche, in questo giardino dei sogni, sono le borse! I modelli chiave sono tre, DESQUE, BASQUETTE e DORIAN (solo su ordinazione). Le pelli utilizzate sono di bufalo per quelle intrecciate, e toro per le altre. Per la realizzazione di una borsa occorrono tre giorni interi di lavorazione… questo fa capire il valore aggiunto del prodotto!
Le ho amate dal primo momento non solo per la linea minimalista ma impattante, le ho amate perché ogni borsa, con il suo profumo, le sue impunture, le sue peculiarità nei tagli, racconta il pensiero e la passione di un uomo che tramuta i sogni in realtà, realizzando più che borse, dei veri e propri gioielli!
Prometto che inizierò a fare il salvadanaio per averne una…da quando le ho viste, non posso farne a meno!
I costi ovviamente non sono accessibili a tutti, ma credo che sia il giusto prezzo da pagare per un prodotto di puro artigianato e maestria.
Se passate ai Navigli, fateci un salto anche solo per ammirarle… in fondo anche Audrey faceva colazione da Tiffany!DAVIDE GATTO_7 DAVIDE GATTO_6 DAVIDE GATTO_3 DAVIDE GATTO_4 DAVIDE GATTO_5 DAVIDE GATTO_20 DAVIDE GATTO_12
DAVIDE GATTO_11

Comments

comments